You are currently viewing Quanto costa un intervento di addominoplastica?

Quanto costa un intervento di addominoplastica?

Regina del plastic word in continua ascesa, ha conquistato un ruolo di V.I.S. (Very Important Surgery). Dal mondo della Chirurgia Plastica si fa strada uno degli interventi più richiesti del momento. Il suo nome? Addominoplastica. È lei la prima cover girl dell’anno per il rimodellamento della parete addominale. Un fenomeno travolgente che emerge anche dal web e che oggi sembra essere diventato unisex. Basta provare a scrivere Chirurgia Plastica sul motore di ricerca Google (12 milioni e 200 mila risultati) e scoprire che se la pole position resta sempre occupata dalla mastoplastica additiva, la chirurgia plastica al seno, gli italiani sono altresì affascinati (in ordine) da liposcultura, blefaroplastica e addominoplastica, l’intervento che con grande sorpresa conta 526 mila risultati, milioni di followers sui Social e un futuro già scritto. Dati che aiutano a immortalare una società che sembra aver trovato il segreto della felicità, ma anche della salute, costringendoci a riflettere.

Vocazione bellezza, attitudine etica, talento multitasking: chirurgia addominale ricostruttiva, funzionale ed estetica, un intervento che sta anche rivoluzionando il trattamento di vere e proprie patologie. Certo, a quale donnanon piacerebbe indossare l’ombelico di Emily Ratajkowski, la top model dal ventre mozzafiato perfetto l’underwear? E a quale uomo non piacerebbe sfoggiare il (Sexy) Six Pack di David Beckam, quell’addome a tartaruga diviso in sei quadranti scolpiti? Il fattore “bellezza”, però, è spesso affiancato dal fattore “salute” di un intervento non solo estetico, che conta infinite varianti e declinazioni. Ne parliamo con la dottoressa Maria Stella Tarico, chirurgo plastico specializzato in tecniche di rinforzo della parete addominale, con un’ampia casistica operatoria e un numero elevatissimo di pazienti trattati, un punto di riferimento per la ricostruzione e l’estetica dell’addome.

– Quali sono le finalità dell’intervento di addominoplastica?

“È importante sottolineare che spesso non si tratta solo di un problema estetico. L’addominoplastica è finalizzata sì al ripristino di una silhouette armonica, alla ricerca della bellezza nelle linee e nelle forme addominali, ma si propone prima di tutto di correggere e riparare diversi difetti morfologico-funzionali: può essere eseguita in aiuto di inestetismi più o meno pronunciati, in versione tradizionale o mini, in anestesia locale, locale con sedazione o generale, può eliminare eccedenze di cute, di tessuto adiposo o di entrambi i tessuti, può risolvere esiti di interventi precedenti, ma nel caso in cui coesistano Diastasi (allontanamento) dei retti o Floppy wall (parete molle) deve essere eseguita la sutura dei muscoli e il loro rinforzo. Infine, qualora siano presenti ernie causate dal cedimento della parete addominale, devono essere riparate nel corso dell’intervento”.

Si fa presto a dire addominoplastica! Ma non esiste un soggetto uguale all’altro. Sono tanti i territori umani da esplorare prima di operare. Interventi unici, sartoriali, pensati e realizzati sul singolo paziente.

– È possibile determinare il costo di un intervento di addominoplastica a priori?

“Desidero subito sottolineare l’importanza fondamentale della prima visita: nel corso del primo incontro si ha tutto il tempo di confrontarsi con i pazienti, di analizzare i loro desideri e le reali necessità, di controllare se sono affetti da patologie, di definire il percorso chirurgico al quale devono sottoporsi. Solo al termine della prima visita sarà possibile stabilire l’indicazione chirurgica specifica del paziente. In generale, possiamo dire che un intervento di addominoplastica ha un prezzo variabile da 3.500,00 a 10.000,00 euro”.

– Quali sono i soggetti a rischio?

“Pazienti di tutte le età, indipendentemente dal peso corporeo o dallo stile di vita: donne in post-gravidanza, pazienti con rapidi cali ponderali, lavoratori con eccessivo carico fisico, pazienti sportivi che si allenano eccessivamente e in modo scorretto, pazienti in età avanzata”.