Mastoplastica additiva e sicurezza: l’importanza delle protesi mammarie

Mastoplastica additiva e sicurezza: l’importanza delle protesi mammarie

Sicuro, elastico, coesivo: può un innovativo impianto mammario in silicone far precipitare i tassi di rottura post-impianto e contrattura capsulare a meno dell’1%? Assolutamente Sì! Il messaggio che gli establishment labs produttori di impianti mammari stanno lanciando al mondo intero è semplice e diretto: il livello di innovazione è sempre più performante. È la Sicurezza ad ispirare il genio creativo dei progettisti nell’ambito dell’ingegneria biomedica, aprendo la strada ad un nuovo modo di concepire le alte prestazioni delle protesi mammarie. In tema di impianti siamo all’alba di una nuova era: malleabili, morbidi, dinamici, ergonomici, dotati di chip, garantiti a vita contro usura e rottura, resistenti sotto stress.

Mastoplastica additiva: oggi il più amato degli interventi di chirurgia estetica che celebra il carisma femminile, in bilico fra bellezza, armonia e sensualità, può disporre di protesi che rispettano i più rigorosi ed elevati standard tecnologici e qualitativi: una completa gamma di proiezioni e misure, un aspetto e una sensazione al tatto sempre più naturale, una conservazione della forma stabile, una superficie controllata, un forte involucro esterno, e non ultimo un gel altamente coesivo, stabile anche quando viene sezionato. Sono le protesi più cool dell’intervento estetico più glamour al mondo. Innovazioni che non passano inosservate agli occhi dei principali chirurghi plastici, sempre attenti alla salute delle pazienti ed alla stabilità dei risultati.

Dottoressa Maria Stella Tarico, chirurgo plastico: “Si chiama Reologia, ed è la scienza che studia gli equilibri di una materia che viene deformata quando è soggetta a sollecitazioni. I migliori impianti mammari sono quelli che hanno un comportamento elastico e viscoso: elastico affinché ogni deformazione in seguito a sollecitazione si possa subito invertire quando viene rimossa la forza applicata, viscoso affinché il contenuto della protesi, un gel altamente coesivo, in caso di rottura dell’involucro non si diffonda all’interno dei tessuti mammari. Protesi studiate per calarsi nei panni di donne attive, dinamiche, sportive. Questo determina la massima riduzione del rischio di contrattura capsulare ed una maggiore resistenza e durata nel tempo”.

La qualità dell’impianto è fondamentale e influisce in modo sostanziale sul costo finale di una Mastoplastica additiva. Le protesi disponibili in commercio possono essere di tipo e forma differente, e ce ne sono anche di poco costose, ma ciò che la paziente deve sapere è che la variazione di prezzo è legata ai materiali impiegati nella realizzazione. Sostanzialmente parliamo di sicurezza, giunta a livelli esponenziali grazie a inventori, a ricercatori, a scienziati visionari e creativi di fama mondiale. Queste protesi non sono mai “economiche!”