La prima visita per gli interventi di chirurgia estetica non è gratuita. Perché?
prima visita

La prima visita per gli interventi di chirurgia estetica non è gratuita. Perché?

Valore, dal latino Valor. Una parola capace di contenere un mondo intero di cose preziose. Nello sport si misura in millimetri o in secondi, in gioielleria si misura in rarità, in peso o in carati, in borsa si misura in quotazione dei titoli, in ambito economico si misura in quantità di denaro ottenibile per un bene. E in ambito umano, il valore è la misura delle doti morali, intellettuali e professionali che si è capaci di condividere con gli altri. Variabile o immutabile, oggettivo o soggettivo, il prezzo è ciò che si paga, ma il valore è ciò che si ottiene. È la preziosità di ciò che si riceve che dà ad ogni cosa il suo valore.

L’arte di rimodellare il corpo e l’autostima di un paziente è un’opera in numerosi atti, ed ha inizio dalla prima visita. La parola chiave di oggi è Why: perché è importante pagare la visita medica quando si sta valutando di sottoporsi ad un intervento chirurgico? Un intervento di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica è un viaggio tutto da scoprire, cominciando da una porta che si apre, quella di uno studio medico. Entrare e incontrare il chirurgo è come varcare una sorta di Stargate, dove il tempo prende forme inaspettate, dove i dubbi diventano certezze, dove numerose domande trovano risposta, ed anche dove alcune illusioni possono essere disilluse. Una delle domande più frequenti che i potenziali nuovi pazienti ci rivolgono è: “La prima visita si paga?” La risposta e sì. Dovreste preoccuparvi quando vi rispondono che è gratuita, e proveremo a spiegarvene il perché in 4 punti:

1- La professionalità, il valore che il chirurgo conserva, protegge e mette a disposizione del paziente.

Competenza, affidabilità, successo: come per gli altri medici specializzati, anche il valore di un buon chirurgo plastico è frutto di un processo formativo: anni di storia, di studio, di aggiornamento costante, di corsi formativi, di pratica, di esperienza, di confronto coi pazienti, racchiudono tutta la forza di quell’expertise che gli ha consentito di acquisire una posizione di leadership in una nicchia di mercato. Un valore legato anche alle referenze, al passa parola positivo, all’affidabilità dei suoi atti medici, alla sua fama, alla sua brillante carriera, ed è giusto che venga pagato.

2- Il tempo da dedicare alla visita, il valore che il chirurgo spende prodigalmente per accompagnare il paziente nelle giuste scelte.

Comunicazione, approfondimento, chiarimento: il medico ha bisogno di tempo. Tanto tempo. E le visite dal chirurgo plastico sono in genere più lunghe rispetto a quelle di altri medici. Lui dovrà visitarvi, ascoltarvi, darvi tutte le informazioni sull’eventuale intervento, comprendere le vostre aspettative e le vostre esigenze, analizzare le motivazioni della vostra scelta, consigliarvi le giuste soluzioni. Dovrà pensare, riflettere, decidere. Una visita approfondita prevede un’anamnesi completa, un progetto adeguato ed esaustivo. Dovrà inoltre informarvi sulle alternative, sulle possibili complicanze, sulla convalescenza, sui possibili esiti. Diffidate delle visite veloci.

3- La valutazione obiettiva, il valore di cui il paziente potrà disporre quando il parere del chirurgo è disinteressato.

Imparzialità, realismo, neutralità: quando il chirurgo non guadagna esclusivamente dall’intervento è più libero di dare il suo parere. Il suo tempo è già pagato. Potrà, se lo reputa giusto, sconsigliarvi l’intervento, o consigliarvi di rimandarlo. Non dovrà influenzarvi, ma semplicemente accompagnarvi in un percorso di consapevolezza. Chi visita gratuitamente guadagna solo se il paziente decide di sottoporsi al trattamento, ed ha quindi tutto l’interesse ad operare.

4- La qualità dello studio medico, il valore delle attrezzature diagnostiche e di una struttura sicura e a norma di legge.

Tecnologia, avanguardia, aggiornamento: le metodiche di indagine hanno conosciuto un enorme sviluppo negli ultimi anni, e gli investimenti in dispositivi che possano fornire diagnosi precise e mirate hanno costi elevatissimi, ma sono investimenti necessari per offrire ai pazienti trattamenti più aggiornati e per garantire alti standard di salute e sicurezza. Sono i giusti strumenti clinici che portano l’affidabilità diagnostica a livelli top. Ricevere inoltre i pazienti in uno studio medico adeguato e a norma di legge eleva la qualità del servizio, ed è un costo che incide anche sulla prima visita.

Dalla decisione di sottoporsi ad un intervento estetico al lettino della sala operatoria il passo non è mai semplice, e l’unica raccomandazione è quella di sottoporsi ad un’accurata valutazione pre-operatoria.

“Una cosa stimabile non può essere apprezzata degnamente se non da quelli che ne conoscono il valore”. Giacomo Leopardi.