Insoddisfatti del proprio viso? Cambiare si può!

Insoddisfatti del proprio viso? Cambiare si può!

Uno scatto. Nitido, sfocato, morbido, patinato, magico, a colori o in bianco e nero. Un momento che l’obiettivo riesce a far vivere e rivivere fermandone lo spirito. Forme, trasparenze, ombre, prospettive e intimità catturate dalla luce, che si fondono in un’opera d’arte personale e identitaria. Istantanea del presente, memoria del passato: già da qualche anno nel gergo della comunicazione globale il suo nome è Selfie, l’arte di raccontare visivamente il proprio volto, di saperlo muovere, catturare, interpretare. Il potere di un primo piano firma un racconto senza tempo e diventa metafora di una storia lunga oltre la stessa vita. Un Selfie è l’arte “fai da te” di esprimere la propria personalità, la propria attitudine, la propria affermazione. In camera da letto o in cucina, al mare o in montagna, nel deserto della California o immersi in un giardino tropicale a Miami, è il click più amato al mondo. Siamo tutti alla ricerca del Selfie perfetto… Ritratti da vedere e rivedere, da postare in rete, taggare e condividere, dove le forme del viso incontrano però le trame dell’autocritica, stimolando chi si osserva con attenzione a porsi e riproporsi una domanda: mi piace il mio viso? Per ogni Selfie pubblicato sui social abbiamo tutti altri 100 Selfie in galleria di cui non siamo soddisfatti. Capace di catturare le emozioni di un attimo, ma anche di sottolineare i difetti estetici, il Selfie fa così emergere autocritiche più o meno profonde, e cercare l’angolo, la composizione, l’espressione, il sorriso, la luce giusta o il profilo migliore a volte non basta. Ed è così che l’etica dell’autenticità si incontra e si scontra con l’estetica del ritocco fotografico… o del ritocchino reale. La medicina estetica, con la sua complicità, può migliorare le proporzioni del viso e consentire a tutti di trovare una nuova armonia. Cambiare volto si può, senza ricorrere alla chirurgia.
Dottoressa Maria Stella Tarico, chirurgo plastico: “Sono in molti a non essere soddisfatti della forma del proprio viso, ed oggi, nell’era del Selfie, una mascella troppo pronunciata, una guancia tondeggiante, un mento a punta, duro e marcato, o un naso con gobbetta bucano l’obiettivo. Ma se un Selfie evidenzia i difetti estetici, grazie ai nuovi bio-materiali, iniettabili a diverse profondità, vuoti e pieni possono essere facilmente armonizzati. I risultati sono assolutamente naturali: così è possibile essere più soddisfatti del proprio aspetto senza che nessuno noti il ritocchino.

Ecco essenzialmente le possibili correzioni per i diversi tipi di viso:

👉 Viso allungato

I volti allungati in genere sono anche un po’ piatti e con zigomi poco pronunciati. In questo caso si può intervenire con micro-iniezioni di acido ialuronico nell’area dello zigomo, così da evidenziarlo. Inoltre è possibile valorizzare lo sguardo con micro-iniezioni di proteina botulinica, sollevando l’arcata sopraccigliare. Così si conferisce più importanza al terzo superiore del viso, riequilibrando la parte inferiore.

👉 Viso tondo

Abbiamo due soluzioni per correggere l’effetto mela. Se il volto tondeggiante è un po’ piatto, si può intervenire nell’area degli zigomi con micro-iniezioni di acido ialuronico, per proiettare leggermente in avanti l’area zigomatica. Se invece al viso tondo si associa anche un profilo non proporzionato, come un mento sfuggente, questo può essere rimodellato e scolpito con effetto naturale.

👉 Viso a triangolo

È questa una forma del viso che rientra nei canoni classici di bellezza femminile. Quando però il mento è appuntito e penalizza l’equilibrio dell’ovale, si può correggere il difetto con micro dosi di acido ialuronico, per creare una maggiore pienezza e rendere il difetto meno evidente.

👉 Viso quadrato

Mascella squadrata: un ideale di bellezza maschile. E quando lo eredita una donna, viene interpretato e vissuto come un difetto. Con l’avanzare dell’età, inoltre, i tessuti cedono ed il problema si accentua. In questo caso, iniettando l’acido ialuronico lungo il profilo della mandibola, si può sollevare il tessuto, ridisegnando l’ovale in un modo più armonico ed equilibrato. Un’altra soluzione è quella di intervenire sulle labbra, volumizzandole con discrezione. Questo trattamento conferisce al volto un effetto molto femminile”.

Selfie perfetto? Cambiate prospettiva! Nessun fotoritocco, ma un semplice, piccolo ritocco!