Acido Ialuronico: quante cose si possono fare con una fiala?
Acido Ialuronico trattamenti

Acido Ialuronico: quante cose si possono fare con una fiala?

Gratificanti, motivanti, appaganti: punturine spianarughe e volumizzanti con effetto ringiovanente e idratante. Follower? Milioni. Like? Infiniti! La fillermania impazza, e registra numeri da capogiro. Oggi è l’acido ialuronico, specializzato nel rigenerare profondamente la pelle attraverso la sua consistenza e la sua capacità di rimpolpare, a raccontare un nuovo aspetto del viso. Un trattamento estetico come il filler, che si plasma ai desideri del tessuto cutaneo e lo rende più morbido ed elastico, è una delle più coinvolgenti manifestazioni di complicità con sé stessi, un’esperienza di bellezza e autostima che procura emozioni, che aumenta la fiducia, che nutre la felicità.

Se la cura del viso serve ad apparire più giovani o belli, aiuta anche a piacersi di più. Di certo se ne conoscono bene i benefici fisici e quelli psicologici, e numerose ricerche scientifiche sul tema ne sottolineano l’effetto terapeutico, unanimi nell’affermare che abbassa lo stress, migliora l’umore e la sicurezza. Ad un patto, però: che gli esiti siano soddisfacenti. Oggi parliamo di quantità. Il quantitativo di acido ialuronico da impiegare per un determinato trattamento estetico varia a seconda dell’area da trattare, della severità del difetto di volume, del tipo di risultato che si desidera ottenere, delle caratteristiche anatomiche del paziente e del tipo di filler che richiede il trattamento. Le variabili sono diverse, e non è possibile, prima di una visita medica, stabilire a priori quanto ne occorra o quale sarà il costo del trattamento.

La maggior parte dei pazienti, quando decide di sottoporsi al filler, ha già in mente l’esito che desidera raggiungere, lo comunica al medico e si affida a lui. Ma alcuni si chiedono: “Con una fiala, riuscirò ad ottenere l’effetto che voglio?”

Dottoressa Maria Stella Tarico, chirurgo plastico: “Oggi abbiamo a disposizione una vasta gamma di sostanze riempitive per eseguire il filler, e questo ci consente di scegliere il giusto prodotto, con le caratteristiche ottimali, per trattare ogni area del viso, anche quelle difficilmente trattabili fino a qualche tempo fa. I filler dermici a base di acido ialuronico (riassorbibili e biologici) che vengono impiegati in medicina estetica per contrastare gli inestetismi del volto, naso e labbra compresi, sono contenuti generalmente in fiale pre-riempite da 1 ml o cc, che corrisponde a circa 1 quarto di un cucchiaino da thè. Questa quantità spesso non risulta sufficiente per eseguire più trattamenti o per ottenere dei risultati soddisfacenti, quando il paziente mostra dei severi difetti di volume. Per ogni area del viso in genere viene impiegata almeno una fiala: una per il filler labbra, una per le rughe nasolabiali (quando non sono troppo marcate), una per ogni zigomo. La visita medica è sempre consigliata per stabilire un corretto piano d’azione e per consentire al medico di decidere quante e quali fiale occorrono, in funzione del distretto anatomico del viso e del tipo di pelle del paziente. In ogni caso, strumenti performanti, che garantiscano un esito eccellente. È con i migliori prodotti che si ottengono i migliori risultati”.

Esito conclusivo che contrassegna un procedimento e ne convalida l’efficacia: si chiama Risultato. Chi per sé vuole solo il meglio e pone l’attenzione sul risultato finale, prima di sottoporsi al trattamento deve quindi chiedere una visita preliminare, e non preoccuparsi di sapere quante fiale servono per raggiungere quell’equilibrio estetico che desidera. Bellezza, senza compromessi, senza spending review.