You are currently viewing Lato B, la sfida della seduzione

Lato B, la sfida della seduzione

La nuova liposcultura del contorno glutei

Testimonial dei più famosi brand della moda e dell’intimo, sex symbol universale, emblema della fortuna, icona dall’alto valore estetico. Non è una donna, ma il suo Lato B, da mostrare con grazia ad ogni passo, posa o movimento. Un mix di curve morbide ad alta intensità, perfette per chi cerca un percorso appagante per tutti i sensi, da percorrere in apnea.

Glutei, polo d’attrazione, quelle masse carnose sporgenti posteriormente, alla base del tronco del corpo umano, su cui spesso indugia lo sguardo. Gli appassionati sul tema (e sono davvero tanti!) discutono da sempre su quali siamo le misure più entusiasmanti, valutandone tonicità, forma e volume. Small, Medium, Large o Extra Large? Non importa, purché siano sempre sodi, tondeggianti, alti e sporgenti. Sono sempre di più le Star che hanno fatto delle loro natiche un punto di forza, un valore aggiunto, una caratteristica della loro unicità, costruendo gran parte della carriera sulle curve sensuali dei loro bottom, tanto amati dal pubblico. Così nella top più aggiornata entrano di diritto quello piccolo e perfetto di Emily Ratajkowski, quello leggendario e giunonico di J.Lo – dicono che lo abbia assicurato, anche se lei smentisce – fino al campione dei fondoschiena, quello ingombrante ma sapientemente scolpito di Kim Kardashian, esibito sempre con orgoglio e nonchalance e considerato a volte un po’ troppo pronunciato, un popò di volume che conferisce al suo corpo un’unicità speciale. Ed è così che anche il mondo dei Social ha visto insorgere un nuovo fenomeno: si chiama Belfie, il selfie del lato B, un must per chi vuole accrescere i followers e ottenere più like e cuoricini. E sono sempre di più le richieste di interventi su quest’area sempre più in evidenza: è boom di rimodellamento glutei, ed anche le statistiche americane evidenziano questo aumento.

I glutei, la nuova frontiera degli interventi estetici. Ma qual è il profilo della paziente tipo?

Dottoressa Maria Stella Tarico, chirurgo plastico: “Il profilo della paziente tipo è cambiato, oggi è molto eterogeneo. Abbiamo tantissime richieste sia dalle ventenni/trentenni con adiposità localizzate che cercano soluzioni d’impatto, durature e in tempi brevi, sia da donne oltre i quaranta/cinquanta che richiedono un efficace rimodellamento corporeo. Il mantenimento di glutei sodi e scolpiti è un’impresa difficile: sedentarietà, aumenti di peso, interruzione dell’attività fisica, cedimenti dovuti a gravidanza o a menopausa… La regione dei glutei è una cosiddetta ZAP, zona di accumulo preferenziale”.

Cedere alla tentazione di mostrarsi senza veli… difficile sottrarsi a questo desiderio! La Liposcultura del contorno glutei è un trattamento con quotazioni in continua ascesa, per una seduzione destinata a rimanere indelebile nel tempo.

Ma qual è la remise en forme più veloce, dai risultati visibili e sicuri?

“Quando le forme sono abbondanti occorre rimodellare gli eccessi. In questo caso i migliori risultati possono essere brillantemente raggiunti ricorrendo ad una Liposcultura del contorno glutei con tecnica secca in emodiluizione, capace di trasformare il corpo in una vera e propria opera d’arte contemporanea. Si tratta di una metodologia che consente una notevole precisione nel ri-modellamento del tessuto adiposo, intervenendo non solo sulla dimensione, ma anche sull’armonizzazione perfetta delle forme e delle proporzioni. Questa tecnica all’avanguardia  consente di modellare il pannicolo adiposo allo stato naturale e senza infiltrazione di liquidi, con una notevole riduzione del sanguinamento e con esiti eccellenti che nessun’altra tecnica è in grado di raggiungere”.

A celebrare la nuova metodologia sono semplicemente i risultati, ed anche tante pazienti felici e soddisfatte. Sognare un lato B da Oscar oggi è lecito. Ed è anche possibile.