Chirurgia dei genitali esterni femminili

Chirurgia dei genitali esterni femminili


chirurgia dei genitali esterni femminili
Durata: 1 ora
Ricovero: nessuno
Recupero: 15 giorni
Anestesia: locale

Chirurgia dei genitali esterni femminili: informazioni generali

Molto raramente si parla della chirurgia dei genitali esterni femminili pensando che una parte così intima del corpo non dia generalmente problemi. In realtà non vedersi bene a livello delle parti intime comporta un disagio importante che può limitare la vita sessuale e la propria serenità. L’apprezzamento della bellezza,  la cura del proprio corpo e il prolungamento della vita sessuale hanno determinato negli ultimi anni un aumento delle richieste per il miglioramento dei genitali esterni nella donna. Infatti i genitali femminili possono essere corretti e migliorati in modo significativo in caso di dismorfie o di modificazioni dell’aspetto dovute al passare del tempo. Difficilmente la donna parla con il proprio ginecologo o medico curante o chirurgo plastico di questi problemi così personali che, per pudore, ritiene quasi inconfessabili, anche perché spesso pensa che non siano possibili correzioni di questi difetti. Le richieste sono differenti: a volte riguardano una deformità di una sede anatomica precisa in donne anche giovani, mentre a volte sono legate all’invecchiamento dei genitali esterni nel loro complesso. I difetti possono essere di diverso tipo e possono interessare i genitali esterni con riferimento al monte di Venere, alle grandi ed alle piccole labbra, e la vagina. Gli interventi correttivi possono essere a volte unicamente cosmetici, a volte invece funzionali con il fine d’incrementare il piacere. Gli interventi cosmetici sulle strutture vulvari esterne sono generalmente piuttosto semplici anche se richiedono una buona accuratezza e danno risultati generalmente molto soddisfacenti permettendo di risolvere problematiche psicologiche a volte importanti. Gli interventi funzionali sono più complessi e necessitano di un approccio medico pluridisciplinare. In ogni caso, oltre agli esami di routine, è necessario sottoporsi ad una visita ginecologica accurata che escluda patologie in particolare infiammatorie per ridurre al massimo il rischio d’infezioni.

LABIOPLASTICA RIDUTTIVA DELLE PICCOLE LABBRA

Le piccole labbra, poste medialmente alle grandi labbra, devono essere più piccole, di forma simmetrica e regolare, non debordanti rispetto alle grandi labbra. Il difetto più comune è dato da un’ipertrofia che può essere anche importante con protrusione imbarazzante al di là delle grandi labbra. Qualora le piccole labbra siano particolarmente ipertrofiche, possono causare fastidi ed eventualmente anche dolore durante determinate attività sportive quali l’equitazione e la bicicletta, o durante l’atto sessuale. Possono essere presenti anche asimmetrie importanti. Il difetto può essere corretto riducendo e rimodellando in modo opportuno e simmetrico le piccole labbra con un intervento. Le cicatrici sono molto poco visibili già dopo alcuni giorni. L’astensione dalla vita lavorativa è di un paio di giorni mentre è bene astenersi dall’attività sessuale per circa 30 giorni.

Anestesia: locale, associata eventualmente ad una sedazione.

LABIOPLASTICA DELLE GRANDI LABBRA

Le grandi labbra devono essere ben definite, sode e turgide, sovrastanti le piccole labbra ma non eccessivamente pronunciate. Possono a volte essere esuberanti ed ipertrofiche e, in tali eventualità, è consigliata la riduzione o con escissioni chirurgiche o con liposuzione. In realtà, in questa sede, è più frequente verificare uno svuotamento ed una flaccidità poco attraenti, che portano a realizzare interventi di riempimento con innesti di tessuto adiposo grazie alla tecnica del lipofilling, con prelievi di grasso dall’addome o dall’interno delle cosce. In tal modo è possibile ottenere grandi labbra più turgide e di aspetto più giovanile. L’astensione dalla vita lavorativa è di un paio di giorni mentre è bene astenersi dall’attività sessuale per circa 30 giorni. E’ presente un certo edema della zona trattata per almeno una settimana.

Anestesia: locale con sedazioni.

MODELLAMENTO DEL MONTE DI VENERE

Un monte di Venere di aspetto piacevole deve essere turgido e leggermente pieno. A volte può presentarsi eccessivamente protruso con caratteristiche quasi maschili che possono essere imbarazzanti, mentre, più raramente in altri casi, può essere piuttosto appiattito, addirittura scavato. E’ possibile correggere entrambi i difetti; nell’eventualità di un’ipertrofia viene realizzata una liposuzione in anestesia locale che generalmente consente in questi casi specifici risultati interessanti; in caso di ipotrofia ed invecchiamento dei tessuti sottocutanei è possibile effettuare un trapianto di tessuto adiposo (lipofilling) ottenendo una buona tonicità con risultati molto naturali. Entrambi gli interventi consentono una rapida ripresa della vita lavorativa. Un edema della zona trattata associato ad una diminuzione temporanea della sensibilità, in particolare dopo liposuzione, è presente per circa un mese.

Anestesia: locale

RINGIOVANIMENTO DELLA VAGINA

Con il passare del tempo la vagina tende a rilassarsi e a dilatarsi. Da tempo esistono interventi che tendono a ridurre nelle porzioni inferiori e posteriori le dimensioni dell’orifizio vaginale e della porzione più esterna della vagina, aumentando il tono muscolare al fine di ridurre il rilassamento e contemporaneamente migliorare la sensazione sessuale. In alternativa, o in associazione, è possibile tonificare superficialmente il cilindro vaginale con iniezioni di tessuto adiposo che vanno a tonificare la parete vaginale e a ridurre il diametro della vagina stessa.

Tutti questi interventi di chirurgia dei genitali esterni femminili vaginale non hanno una finalità cosmetica, ma hanno lo scopo di migliorare la sessualità e la sensazione di piacere. Devono pertanto essere affrontati non solo dopo un’accurata visita ginecologica, ma anche dopo una valutazione del sessuologo.

Anestesia: locale

Visita preliminare, intervento e decorso post-intervento saranno effettuati e monitorati personalmente dalla dottoressa Maria Stella Tarico presso il Centro di Catania.


Hai dubbi? Parliamone

Contattaci. Ci confronteremo, gratuitamente e senza alcun impegno.