Gluteoplastica

Gluteoplastica


gluteoplastica
Durata: 3 ore
Ricovero: 1 notte
Recupero: 15 giorni
Anestesia: generale

Gluteoplastica: informazioni generali 

La gluteoplastica è un intervento di chirurgia plastica che consente il rimodellamento dei glutei, modificandone forma e dimensioni. I glutei hanno sempre avuto un’importanza notevole nel corpo sia femminile che maschile. Di conseguenza, in relazione alle tecniche sempre più evolute in chirurgia plastica, anche la domanda di sollevare, ingrandire ed arrotondare i glutei è stata decisamente in ascesa in questi ultimi anni. Un gluteo attraente è dato da forme, dimensioni e proporzioni definite. In certi casi può essere sufficiente rimodellare gli eccessi e i difetti e, in queste eventualità, i risultati sono brillantemente raggiunti ricorrendo ad una lipoaspirazione delle regioni sopra e sottoglutee, arrivando in questo modo ad arrotondare e sollevare i glutei. Ma se la richiesta è volta ad un aumento della proiezione di glutei troppo piatti, è necessario ricorrere ad un incremento di volume nella sede del difetto.

VISITA PREPARATORIA

La visita preparatoria per l’intervento di gluteoplastica consente di valutare la situazione e di scegliere la tecnica più opportuna da utilizzare. La lipoaspirazione, può modellare le regioni sovra e sottoglutee associando, se opportuno, un lipofilling delle regioni glutee, arrotondando i profili e sollevando in parte i glutei. In caso di glutei piatti, è invece necessario integrare i volumi mancanti. Bisogna, quindi, valutare con grande attenzione il difetto per stabilire se esiste una mancanza di volume e la sede di tale deficit. Nel corso della visita si considera, in primo luogo, se la correzione può essere realizzata con materiali autologhi, ricorrendo al tessuto adiposo in eccesso presente in altre sedi. In questo caso si determina l’entità del difetto e le eventuali zone donatrici dalle quali prelevare il grasso, con particolare riferimento alle cosce ed all’addome. In molti casi, tuttavia, l’eccesso di grasso presente non è sufficiente per consentire un aumento soddisfacente ed è necessario ricorrere all’uso di protesi. La decisione di ricorrere all’uso di protesi deve essere ben ponderata a livello gluteo. Bisogna valutare se i tessuti locali appaiono idonei ad accogliere una protesi esaminando l’elasticità e lo spessore della cute nonchè la tonicità dei muscoli glutei. Fondamentale è poi l’analisi della sede e dell’entità del difetto per scegliere la protesi più opportuna. Anche in caso d’inserimento di protesi le regioni circostanti possono essere rimodellate con la lipoaspirazione contribuendo ad un miglior risultato estetico finale.

GLUTEOPLASTICA CON ACIDO IALURONICO

Recentemente è stato introdotto un acido ialuronico adatto per reintegrare i volumi del corpo che può essere iniettato anche in quantità discretamente importanti, a lento riassorbimento, della durata di circa un anno. Questo filler può essere molto utile non solo per correggere depressioni da traumi od irregolarità esiti di lipoaspirazioni ma anche per aumentare il volume dei glutei con il vantaggio di non richiedere un’anestesia generale e di non limitare il paziente nella normale vita sociale e lavorativa.

INTERVENTO

In caso di lipofilling o lipostrutturazione è necessario poter realizzare una buona lipoaspirazione al fine di poter disporre di sufficiente tessuto adiposo che, verrà iniettato in sede glutea nelle regioni opportunamente marcate prima dell’intervento. Qualora si opti per l’inserimento di protesi, l’intervento viene svolto attraverso un’incisione posta nel solco intergluteo. Viene quindi allestito uno spazio superficiale al muscolo gluteo nel quale viene inserita la protesi. La manovra deve essere realizzata con una certa accuratezza per evitare sanguinamenti e per inserire in modo simmetrico le protesi. E’ opportuno utilizzare dei drenaggi che verranno lasciati in sede per alcuni giorni. L’acido ialuronico, invece, viene iniettato con una semplice anestesia locale che consente alla cannula di penetrare nei tessuti profondi senza causare dolore. La manovra deve essere effettuata con attenzione seguendo un preciso schema di trattamento per realizzare l’aumento richiesto in modo preciso ed armonioso.

Anestesia: generale o in alternativa in anestesia locale con sedazione.

TRATTAMENTO POST-OPERATORIO

E’ necessaria un’antibioticoterapia da proseguire per alcuni giorni, mentre il dolore è controllato da analgesici per via orale. L’intervento è più doloroso in caso d’inserimento di protesi, mentre il dolore è men in caso d’iniezione di acido ialuronico. L’intervento d’inserimento protesi viene effettuato preferibilmente in casa di cura con degenza di una notte. Viene effettuato ambulatoriamente senza ricovero in caso d’iniezione di acido ialuronico o grasso.

PERIODO POST OPERATORIO 

Naturalmente sarà presente un dolore dopo la gluteoplastica con l’inserimento di protesi per qualche giorno. Dopo il lipofilling è opportuno prevedere una settimana di riposo, mentre dopo l’inserimento di protesi è meglio prolungare questo periodo a 15 giorni. Questo è consigliabile al fine di consentire una certa stabilizzazione del risultato ed evitare spostamenti delle protesi. E’ opportuno evitare la posizione seduta e la guida dell’autovettura per due settimane. Le attività fisico-sportive possono essere riprese dopo circa un mese in caso di lipofilling, mentre è bene attendere due mesi in caso d’inserimento di protesi. In caso di aumento con acido ialuronico il dolore è molto modesto e le attività lavorative possono essere riprese molto rapidamente.

POSSIBILI COMPLICANZE

Le complicanze possono essere differenti a seconda della tecnica utilizzata per il modellamento della regione glutea. In caso di lipoaspirazione e di lipofilling sono sovrapponibili a quelle dei suddetti interventi e ad essi si rimanda. In caso d’inserimento di protesi, sono da considerare oltre a possibili infezioni, ematomi e sieromi, anche dislocazioni delle protesi con eventuali asimmetrie di posizione. Altre complicanze possono essere: un fastidio od un dolore persistenti che possono portare anche alla rimozione delle protesi. In caso d’iniezione di acido ialuronico, le complicazioni sono simili a quelle dei fillers riassorbibili con un rischio seppur basso d’infezione. L’inconveniente di questo metodo è legato soprattutto al fatto che la durata è limitata ad un anno circa ed è opportuno prevedere entro tale data una reintegrazione almeno parziale del volume. E’ opportuno comunque ricordare che, anche in questi casi, un chirurgo plastico competente ed esperto è in grado di ridurre al minimo i rischi e le complicanze e di gestire al meglio gli eventuali problemi.

Visita preliminare, intervento e decorso post-intervento saranno effettuati e monitorati personalmente dalla dottoressa Maria Stella Tarico presso il Centro di Catania.


Hai dubbi? Parliamone

Contattaci. Ci confronteremo, gratuitamente e senza alcun impegno.


Maria Stella Tarico – miodottore.it